Meno di 6 mesi a Ubuntu 16.04 ESM: 6 cose da preparare

Questo articolo spiega come funziona il periodo ESM e fornisce una guida a sei considerazioni chiave per la pianificazione di un percorso di migrazione da Ubuntu 16.04 LTS.

Ubuntu 16.04 LTS Xenial Xerus entrerà nel periodo di manutenzione estesa della sicurezza (ESM) ad aprile 2021. Questo articolo spiega come funziona il periodo ESM e fornisce una guida a sei considerazioni chiave per la pianificazione di un percorso di migrazione da Ubuntu 16.04 LTS.

Che cos’è l’ESM?

Ogni release di Ubuntu Long Term Support (LTS) prevede due periodi di manutenzione: il periodo di sicurezza standard e il periodo di manutenzione estesa della sicurezza (ESM). Dopo il periodo standard di cinque anni di manutenzione della sicurezza e aggiornamenti, Ubuntu LTS può beneficiare di un periodo esteso di manutenzione e patch di sicurezza. Con ESM, Ubuntu 16.04 guadagna tre anni extra di aggiornamenti di sicurezza, spostando la sua data di fine vita ad aprile 2024.

Cosa dovrei fare?

Ecco sei considerazioni chiave:

  1. Pensate a cosa servirebbe per migrare dalla 16.04 LTS. Potete aggiornare la vostra 16.04 LTS alla 18.04 LTS, o procurarvi una nuova installazione dell’ultima Ubuntu 20.04 LTS. Se volete passare dalla 16.04 LTS alla 20.04 LTS non c’è un modo diretto, quindi dovrete seguire due procedure di aggiornamento: prima alla 18.04 LTS e poi alla 20.04 LTS.

Guarda il webinar sulla migrazione alla 20.04

  1. Considerate lo stack completo. Il sistema operativo è il cuore del sistema, e una migrazione del sistema operativo è un cambiamento importante che tocca molteplici aspetti della vostra configurazione, dal kernel Linux fino alle vostre applicazioni. Ricordatevi di valutare come la migrazione impatterà i vostri carichi di lavoro esistenti e le API, poiché la vostra configurazione attuale potrebbe dipendere da versioni specifiche delle applicazioni e delle librerie che sono state fornite con Ubuntu 16.04 LTS. Probabilmente troverete versioni più recenti di applicazioni e librerie se sceglierete una versione più recente di Ubuntu (potete trovare alcuni esempi qui sotto). Queste versioni potrebbero non essere più pienamente compatibili con la vostra configurazione generale, dopo la migrazione.
Applicazione Versione 16.04 LTS Versione 18.04 LTS Versione 20.04 LTS
MySQL 5.7 5.7 8.0
PostgreSQL 9.5 10 12
nodejs 4.2.6 8.10 10.19
PHP 7.0 7.2 7.4
Python 2.7.12 2.7.15 3
Ruby 2.3 2.5 2.7
  1. Valutare i rischi. Ogni progetto di migrazione deve essere attentamente pianificato ed eseguito. Assicuratevi di capire l’intero stack, l’infrastruttura e anche le applicazioni in esecuzione sopra di essa. Assicuratevi che anche tutti i vostri stakeholder che utilizzano i servizi forniti dai carichi di lavoro di Ubuntu 16.04 capiscano i benefici e i rischi derivanti dal progetto di migrazione.
    Diverse categorie di rischi da prendere in considerazione: costi e ritardi della migrazione del codice per le applicazioni esistenti, costi di mantenimento di infrastrutture e codebase obsoleti, spese generali di gestione di un progetto di migrazione, rischi di conformità e sicurezza dell’esecuzione di infrastrutture senza patch, ecc.

  2. Fate un passo indietro per valutare le vostre opzioni. Avere una buona visione d’insieme della vostra dotazione di Ubuntu 16.04 LTS vi aiuterà a identificare i carichi di lavoro che dovrebbero continuare a funzionare sulla 16.04 e quelli che possono beneficiare delle migrazioni. Potete sfruttare questa occasione per riconsiderare la vostra configurazione complessiva, identificare i miglioramenti architetturali e quantificare i potenziali risparmi. Considerate la modernizzazione della vostra proprietà Ubuntu passando ad un ambiente cloud-native, o valutate alternative di servizi gestiti per la vostra infrastruttura e le applicazioni. Per fare la scelta giusta, esaminate i vostri livelli di utilizzo e il costo totale di proprietà (TCO).

Inizia a usare Charmed Kubernetes ›

Scopri di più su Canonical OpenStack ›

  1. “Decisione commerciale intelligente” è un mantra che non dovrebbe mai essere scordato. Le migrazioni sono costose. Molti settori ottimizzano il costo dei loro carichi di lavoro per implementazioni a lungo termine, nel qual caso più a lungo funziona senza tempi di inattività e manutenzione del codice, migliore è il rapporto qualità/prezzo. L’ESM estende la durata di Ubuntu 16.04 LTS fino al 2024. Spesso, rimandare una costosa migrazione di tre anni può farvi risparmiare centinaia di migliaia di dollari, e ridurre il rischio legato al progetto. Un ESM fa tutto questo mantenendo i vostri carichi di lavoro conformi e sicuri.

Scopri di più in questo caso studio di ESM

  1. Considerate Ubuntu Pro per le vostre istanze cloud. Se non siete sicuri di quale strada prendere, se avete bisogno di flessibilità nella vostra tabella di marcia o solo un po’ di tempo in più per il vostro progetto di migrazione, considerate l’utilizzo di Ubuntu Pro su un cloud pubblico. Ubuntu Pro è un’immagine premium di Canonical dedicata ai carichi di lavoro di produzione. Include l’ESM e viene fatturata all’ora. Passando a Pro potrete godere di Ubuntu 16.04 fino al 2024, o prima se volete, senza contratto o impegno.

Inizia a usare Ubuntu Pro per AWS ›

Inizia a usare Ubuntu Pro per Azure ›

Come posso ricevere aiuto?

Canonical è l’editore di Ubuntu che fornisce sicurezza estesa e hardening, conformità certificata, supporto anche continuo e servizi completamente gestiti per l’intero stack di infrastrutture e applicazioni aperte.