Migrare a Ubuntu LTS: sei fatti per gli utenti CentOS

State pensando di migrare a Ubuntu da altre piattaforme Linux, come CentOS?

State pensando di migrare a Ubuntu da altre piattaforme Linux, come CentOS?

Pensate a Ubuntu, la distribuzione Linux più popolare sui cloud pubblici, i data center e l’edge. Sin dalla sua nascita, Ubuntu ha costantemente guadagnato quote di mercato, raggiungendo ad oggi quasi il 50%.

Vi state chiedendo perché Ubuntu sia così popolare?

Ecco la nostra opinione:

Fatto 1. Gli sviluppatori preferiscono Ubuntu

Secondo il 2020 HackerEarth Developer Survey, il 66% degli sviluppatori esperti e il 69% degli studenti preferiscono Ubuntu rispetto ad altre distribuzioni Linux. Questo perché Ubuntu fornisce loro la maggior quantità di software open source più recenti con cui lavorare.

Per esempio, Ubuntu 20.04 LTS viene fornito con oltre 30.000 pacchetti open source come Python, Ruby, Go, Java, Apache, Nginx, PostgreSQL, MySQL, Node.js, PHP e altri ancora. Questo è il motivo per cui Ubuntu è di gran lunga la distribuzione Linux più popolare, seguita da un lontano n. 2, ovvero CentOS, scelta dall’11% dei professionisti attivi.

Fatto 2. Ubuntu LTS è prevedibile, stabile e sicuro

Una versione di supporto a lungo termine (LTS) di Ubuntu viene rilasciata ogni due anni, e tutte le versioni LTS beneficiano di cinque anni di manutenzione gratuita della sicurezza (che può essere estesa a dieci anni). Per mantenere sicuri gli utenti di Ubuntu, l’Ubuntu Security Team applica migliaia di patch di sicurezza. Per esempio, Ubuntu 16.04 LTS ha beneficiato delle patch di oltre 5.000 vulnerabilità ed esposizioni comuni (CVE) che sono state applicate da aprile 2016 in modo assolutamente gratuito!

Inoltre, il team agisce molto velocemente per non permettere ai cattivi attori di sfruttare le vulnerabilità: le CVE critiche vengono patchate in media in meno di 24 ore. Con l’ultima release (Ubuntu 20.04 LTS), tutti gli utenti otterranno aggiornamenti di sicurezza e un accesso diretto a migliaia di applicazioni open source curate e disponibili gratuitamente fino al 2025.

Fatto 3. Ubuntu non ha abbonamenti obbligatori

Ubuntu è liberamente disponibile per il download e l’uso. Ogni istanza di Ubuntu è dotata degli stessi bit, indipendentemente dal fatto che un abbonamento Ubuntu Advantage (UA) vi sia collegato o meno. UA è un abbonamento opzionale, per macchina, per una maggiore conformità, sicurezza estesa e assistenza di livello enterprise disponibile 24 ore su 24.

Come risultato, gli utenti beneficiano di un’esperienza uniforme indipendentemente dal fatto che la loro macchina Ubuntu sia utilizzata per scopi di sviluppo o stia eseguendo carichi di lavoro in produzione.

Fatto 4. Ubuntu LTS offre un supporto di livello enterprise con prezzi trasparenti, per macchina

Ubuntu è la piattaforma open source più economicamente vantaggiosa con milioni di utenti in tutto il mondo. È anche sostenuta da un team di supporto enterprise composto da esperti che offrono assistenza con una migrazione a Ubuntu. Fornisce accesso a moduli specifici per la conformità, compresa la crittografia certificata FIPS 140-2, DISA/STIG e CIS hardening, Kernel Livepatch per migliorare l’uptime e la sicurezza.

Fatto 5. Ubuntu offre un’esperienza multi-cloud

Scoprirete che Ubuntu funziona esattamente allo stesso modo, ovunque ne abbiate bisogno. Sulle workstation, nel data center, sull’edge e sui cloud. Sui cloud pubblici in particolare, offre la stessa ottima esperienza Ubuntu con un livello di integrazione continua e molte ottimizzazioni a livello di kernel, specifiche per cloud.

Inoltre, con Ubuntu Pro, gli utenti possono beneficiare di dieci anni di manutenzione della sicurezza, hardening integrato, moduli di crittografia FIPS e modello cloud-native pay-as-you-go su Azure e AWS.

Fatto 6. Ubuntu alimenta grandi infrastrutture

Ubuntu è nel cuore dello stack dell’infrastruttura. È una piattaforma ideale per la costruzione di infrastrutture su larga scala, come cloud privati OpenStack, Kubernetes, High Performance Computing (HPC) e Big Data. L’adozione diffusa di Ubuntu in questo tipo di progetti deriva dalla sua stabilità, interoperabilità, sicurezza e esperienza utente lineare.

Ubuntu è anche usato dagli scienziati di tutto il mondo per potenziare varie piattaforme per l’analisi dei dati. Ricordate la prima immagine di un buco nero? Indovinate su cosa è stata creata?

Astronomi che creano la prima immagine in assoluto di un buco nero usando Ubuntu

Crediti: Will Cooke, Twitter

Conclusione

Unisciti a migliaia di sviluppatori e imprese che hanno scelto Ubuntu come piattaforma per lo sviluppo, l’innovazione e i carichi di lavoro di produzione.

Decolliamo insieme!

Mettiti in contatto con il team di Ubuntu >

Kubernetes veloce, leggero e a nodo singolo

Portate Kubernetes sulle vostre workstation con Microk8s, un singolo pacchetto di Kubernetes upstream che si installa su 42 versioni di Linux.

Ottieni un sistema K8s completo e funzionante in pochi secondi ›